Matandala in Africa

In Africa stiamo lavorando alla realizzazione di progetti socio-culturali volti a valorizzare i caratteri peculiari delle culture locali attraverso la realizzazione di Centri di ricerca culturale e sviluppo sostenibile, dove intendiamo realizzare dei progetti di formazione e di reciproco scambio di vissuti umani ed artistici tra esponenti della cultura e dell’arte africana ed italiana.

PROGETTI IN CORSO

Centro-pilota “Orbite”

Precisamente in Benin, in collaborazione con l’associazione locale ORBITE che opera nel Paese dal 1998, abbiamo avviato la creazione di un Centro Culturale all’interno del villaggio di Béni, con l’obiettivo di creare uno spazio laboratoriale che diventi un centro di formazione artistica ed artigianale, in cui le maestranze del luogo possano trasmettere le loro conoscenze nell’incisione e lavorazione del legno, del batik ed altre tecniche di pittura su stoffa, del cucito, della lavorazione del bronzo, costruzione di strumenti musicali; si prevede l’organizzazione di corsi di teatro, musica e danze tribali.
Il progetto avrà un impatto sulle comunità del luogo in termini di sostegno a tutte le attività tradizionali presenti sul territorio al fine di favorire uno sviluppo economico sostenibile.
Insieme alla ONG beninese ORBITE, nostra partner locale, l’associazione Matandala intende realizzare un Centro-pilota per attività di formazione pluridisciplinare basate sull’apprendistato rivolte ai villaggi ed offrire spazi di accoglienza per un Turismo Responsabile (vedi sezione Viaggio) che contribuisca al sostegno dei progetti in corso.

Centro Museale a Béni

All’interno del villaggio di Béni, con cui i soci fondatori di Matandala avevano iniziato una collaborazione già nel 2008, abbiamo avviato la realizzazione di un Centro Museale che raccolga la storia e le tradizioni del villaggio in forma museale aperta al pubblico.
Nel corso della nostra collaborazione nel villaggio di Béni abbiamo constatato il rischio della perdita di importanti tradizioni legate alla trasmissione orale a causa dell’urbanizzazione e del continuo disparire degli anziani depositari dell’antica cultura.
Il progetto si propone di preservare queste tradizioni attraverso la raccolta e la conservazione sistematica di informazioni, manufatti, opere nei vari ambiti della tradizione, costumi tradizionali, ma anche di sostenere le attività tradizionali ad essa legate come la farmacopea.

Donna d’Africa

E’ in fase di preparazione il progetto “Donna d’Africa” in collaborazione con il Centro Don Bosco di Cotonou (suore salesiane), con l’obiettivo di coinvolgere le donne nello sviluppo di progetti mirati che contribuiscano ad un reale miglioramento delle loro condizioni di vita.
Sono previsti corsi di formazione per la fabbricazione di cosmetici naturali e di sartoria.

Tagged under:

Leave a Reply